Misure di sotegno COVID19
BpF


Al fine di sostenere le attività imprenditoriali danneggiate dall’epidemia di COVID-19 ed in ossequio a quanto stabilito nel Decreto Legge 17 marzo 2020 n° 18, all’art 56, si informa che le IMPRESE:

  • che occupano meno di 250 persone, il cui fatturato annuo non supera i 50 milioni di Euro oppure il totale di bilancio annuo non supera i 43 milioni di Euro,

  • che non siano alla data del 17 Marzo 2020 classificate come esposizioni creditizie deteriorate,

  • che presentino specifica comunicazione accompagnata dalla autocertificazione, ai sensi dell’art. 47 DPR 445/2000 che attesti di aver subito in via temporanea carenze di liquidità quale conseguenza diretta della diffusione dell’epidemia COVID-19,

possono avvalersi, in relazione alle esposizioni debitorie nei confronti della Banca, delle seguenti misure di sostegno finanziario:

  1. Sospensione del pagamento delle rate, per i mutui e gli altri finanziamenti a rimborso rateale, sino al 30 settembre 2020. Il piano di rimborso delle rate o dei canoni oggetto di sospensione verrà dilazionato, secondo modalità che assicurino l’assenza di nuovi o maggiori oneri per le parti; è facoltà delle imprese richiedere la sospensione della sola quota capitale;

  2. proroga sino al 30 settembre 2020 dei prestiti non rateali con scadenza contrattuale prima del 30 Settembre 2020; i contratti verranno prorogati, unitamente ai rispettivi elementi accessori, alle medesime condizioni;

  3. per le aperture di credito a revoca e per i prestiti accordati a fronte di anticipi su crediti esistenti alla data del 29 Febbraio 2020 o, se successivi al 17 Marzo 2020, gli importi accordati, non potranno essere revocati in tutto o in parte fino al 30 settembre 2020.

Di tale norma possono avvalersi anche i professionisti ed i lavoratori autonomi, che ovviamente rispettino i limiti dimensionali che qualificano le PMI, come sopra indicati.

A tal proposito si rende disponibile il modulo di domanda denominato:

  • Allegato 1 - Domanda art. 56 imprese - autonomi - professionisti - sospensione   Scarica il Modulo PDF

Le imprese come sopra definite possono optare inoltre per la richiesta di sospensione - in base al protocollo ABI denominato “Impresa in ripresa 2.0” riferita ai mutui ed agli altri finanziamenti concessi fino al 31 gennaio 2020 - sino a 12 mesi della sola quota capitale a condizione che il prestito sia in regolare ammortamento.

A tal proposito si rende disponibile il modulo di domanda denominato:

  • Allegato 2 - Domanda per la sospensione dei debiti PMI Accordo ABI   Scarica il Modulo PDF

Le suddette domande andranno inviate preferibilmente a mezzo PEC, all'indirizzo della filiale di competenza.

Per consultare l'elenco delle filiali fare clic QUI



BpF